Summer Compilation: 10 consigli di marketing digitale per potenziare il tuo business online

Le persone non comprano prodotti e servizi, ma relazioni, storie e magia (Seth Godin)

Un assaggino di ogni Corsetty BUSINESS: questa è la summer compilation!

Abbiamo preso i 10 migliori Corsetty Business tenuti da Elena Bobbola e Malou Denti, Cathy La Torre, Veronica Benini, Carlo Tumino e interventi puntuali come quello di Marta Zura Puntaroni, per creare un percorso di formazione lineare.

Ti facciamo sbirciare dentro tutti i migliori Corsetty, in modo da darti un assaggio UTILE di ciascuno: ti diamo il meglio, in un concentrato di formazione, che ti aiuta a capire tutte le sfumature del fare business on line.

summer-compilation-10-consigli-di-marketing-digitale-per-potenziare-business-online_veronica-benini-corsetty

Quali sono i 10 macro temi che troverai nella Summer Compilation?
Eccoli elencati di seguito: non aspettare oltre! Solo ad Agosto 2020 li trovi scontati!

1 – Specialista o Multipotenziale: scopri chi sei, per capire come lavorare bene in team

Spesso abbiamo la tendenza a voler fare tutto per conto nostro, soprattutto quando siamo all’inizio di una attività imprenditoriale non ancora pienamente auto sufficiente a livello economico.

Ma dobbiamo chiederci: in cosa sono capace?
Difficilmente saremo capaci di fare tutto da soli: creare l’azienda, elaborare le strategie di marketing e comunicazione, gestire i socialnetwork, sviluppare un sito o un eCommerce che vende da subito, occuparci anche della grafica, delle fotografie, del logo…

I vantaggi della delega:

> dare valore al proprio tempo: anche le nostre ore di lavoro hanno un costo

> liberare slot di tempo per concentrarci su ciò che sappiamo fare meglio

> migliorare l’esperienza utente, delegando – per esempio – un eCommerce ben fatto

> avere più tempo per la creatività, per inventare nuovi prodotti o migliorare l’esistente

summer-compilation-10-consigli-di-marketing-digitale-per-potenziare-business-online

Dobbiamo dunque capire chi siamo, quali sono i nostri talenti e quali sono le attività che possiamo delegare. Perché è vero che delegare certe attività ha un costo, ma anche non farlo.

Siamo specialiste o multipotenziali?

Ovvero: siamo più efficienti quando seguiamo un task alla volta, concentrando le energie; oppure quando svolgiamo molti task insieme, spaziando tra mille passioni differenti?

2- Come trasformare un’idea interessante in un business remunerativo

Quali sono le basi per trasformare la propria idea imprenditoriale in un business di successo?

  • analizzare il mercato di riferimento: quali sono i nostri competitor? Quali sono i loro punti di forza e i punti deboli?
  • differenziare il servizio: in base all’analisi della concorrenza, c’è spazio per noi? In che modo la nostra idea si differenzia dalle altre?
  • definire il cliente tipo: qual è il nostro target?
  • definire la customer value proposition (CVP): quali caratteristiche, rinconosciute dal target di riferimento, rendono unico il nostro prodotto o servizio? Perché il nostro cliente tipo dovrebbe comprare proprio il nostro prodotto?
  • redigere il business plan: la nostra idea è realmente remunerativa?

La Scuolina COM

Per te che vuoi mettere il turbo al tuo business, creando una strategia di comunicazione con la F di f*ga. Impara a comunicare online e offline.

corso-digital-marketing-business-scuolina_spora-veronica-benini_corsetty

Come si definisce una strategia per creare un’impresa di successo

Dopo aver effettuato la nostra analisi (diagnosi), possiamo definire una serie di step successivi, muovendoci per obiettivi: questa sarà la nostra strategia.

Creando delle linee guida che descrivono lo stato attuale del mercato (e della nostra attività), possiamo infine stabilire quali azioni intraprendere per migliorare il nostro prodotto, renderlo appetibile, personalizzarlo e renderlo unico.

All’interno delle azioni che svolgiamo, stanno i nostri obiettivi finali. Uno per tutti: come rendere remunerativa la nostra idea di business.

3 – Brand identity: imparare a presentarsi, per far conoscere il proprio brand

A partire dal naming (il nome dell’attività), fino al logo, ai colori del nostro brand, alla nostra identità visiva: ogni attività remunerativa deve essere immediatamente riconoscibile con uno stile e un nome d’effetto.

La brand identity non è solo ‘estetica’: riguarda anche il sistema di valori che veicoliamo. E anche la nostra vision e la nostra mission.

Possiamo definire la vision come l’idea dell’imprenditore stessa e ciò che l’azienda ha nei propri obiettivi principali. La mission, invece, spesso confusa con il primo elemento, consiste nell’azione pratica necessaria al fine di raggiungere gli obiettivi proposti dalla visione aziendale: cosa fare effettivamente affinché il brand possa raggiungere i suoi obiettivi.

Non dimentichiamo gli attributi del brand: come possiamo diventare riconoscibili agli occhi degli altri, come i nostri prodotti e il nostro brand vengono percepiti dai clienti.
Il nostro prodotto è utile? Porta benefici nella vita delle persone?
Lo capiamo attraverso la reason to believe, ovvero le motivazioni grazie a cui i clienti riconoscono un beneficio dal nostro prodotto o servizio.

Infine il packaging, che funziona da mediatore tra brand e cliente: anche l’imballaggio dei nostri prodotti dice molto di noi. Sulle nostre scelte di sostenibilità, ad esempio, ma anche sulla praticità del confezionamento, l’organizzazione delle spedizioni, la comodità del prodotto e – non ultima – la riconoscibilità del brand.

4 – Quali canali utilizzare per promuovere il proprio business

Non dobbiamo essere presenti su tutti i canali social. Dobbiamo scegliere i social giusti per noi, ovvero quelli che ci permettono di raggiungere il nostro cliente tipo.
E presidiarli, ovvero aggiornarli con costanza e pazienza, per essere pronti a intercettare le richieste dei potenziali clienti.

La Scuolina COM

La Scuolina COM è per te che hai già superato la fase embrionale del tuo progetto di business e che sei pronta a mettere il turbo ed a passare alla fase successiva.

corso-digital-marketing-business-scuolina_spora-veronica-benini_corsetty

Per praticità possiamo dire, ad esempio, che gli over si trovino su Facebook, i giovani su Instagram e i giovanissimi su YouTube e TikTok.
Quindi la scelta dei canali attivi e presidiati deve essere ponderata ANCHE in base a dove circola il nostro pubblico ideale.

5 – Social Media Management: come curare i contenuti social

A questo punto dobbiamo scegliere se occuparci da soli dei nostri canali social, oppure affidarci a un SMM (social media manager) esterno, possibilmente qualcuno che abbia frequentato il Corsetty Master di Provincia – Strategist e SMM! (Per inciso, fa bene anche a voi, seguirlo)

In ogni caso, alcuni step saranno fondamentali e imprescindibili per definire la strategia social:

  • stabilire la strategia di acquisizione dei follower (e quindi anche i budget da spendere in promo)
  • definire il piano editoriale
  • stabilire il tone of voice della nostra comunicazione
  • definire il tipo di contenuti da veicolare (video, post, dirette, storie, grafiche…)

Mettiamoci in testa una cosa: per ottenere risultati sui social occorrono tempo, pazienza e investimenti. Certo, potreste anche decidere di affidarvi ai bot e comprare follower finti, ma a che pro? Se il vostro obiettivo è la conversione, ovvero vendere un prodotto o servizio, vi servono solo follower in target. Come si dice: meglio pochi alla volta, ma buoni.

6 – Lavorare con Instagram: etica ed estetica dei socialnetwork applicata al business

Instagram è uno dei social che può davvero farci svoltare, nel business, se sappiamo come utilizzarlo al meglio. Non ci farà magari vendere direttamente, ma ci aiuterà a potenziare la nostra brand awareness e a veicolare i valori del nostro brand in modo esponenziale.

La grande opportunità di Instagram sono le stories, attraverso cui possiamo entrare in relazione diretta con i nostri potenziali clienti: un feedback immediato per capire il nostro gradimento e misurare il loro attaccamento.

IstaFaiga

Ti serve se vuoi promuovere la tua attività, ma non sta funzionando, oppure se hai un’attività ma non pensavi che Instagram potesse essere un canale pubblicitario complesso: e invece lo è!

corso-instagram-business-instafaiga_spora-veronica-benini_corsetty

Instagram è però un social ‘visivo’: anche le storie più interessanti, non possono prescindere da un feed brutto.
Dobbiamo curare l’estetica dei nostri contenuti, per fare il modo che il possibile cliente tipo atterri sul nostro profilo e sia immediatamente spinto a cliccare SEGUI.

Cosa dobbiamo curare, nel nostro profilo IG? La bio, la foto profilo, il link in uscita, la geolocalizzazione e l’armonia tra le foto.

In particolare, come sono le prime 6 foto del nostro feed? Hanno un tema (o mood) riconoscibile a prima vista?
Dobbiamo creare armonia tra le nostre foto, ovvero avere una strategia visiva.

7 – Influencer marketing: promuoversi nelle community, attraverso relazioni significative

Cos’è l’influencer marketing?

Il marketing di influenza (in inglese influencer marketing), è un tipo di marketing in cui la concentrazione è posta sulle persone influenti (influencer) più che sul mercato di riferimento nel suo complesso.

Gli influencer sono utenti attivi sui social, con community particolarmente solide e affiatate. Tra influencer e follower si instaura una relazione genuina: gli influencer, infatti, non influenzano le persone per via di una fantomatica ‘manipolazione collettiva’, ma perché – piuttosto – hanno ottenuto, con il tempo, il riconoscimento di valori come coerenza, autenticità e autorevolezza in un determinato settore.

Possono quindi essere ingaggiati come testimonial pubblicitari (ambassador), per promuovere il nostro prodotto o servizio. Possiamo retribuirli, oppure provare a entusiasmarli con il nostro prodotto iconico: per capire come fare, scegliete il Corsetty INFLUMARKETING, l’unico corso completo, in italiano, che vi spiega come scegliere le influencer, contattarle, ideare una campagna promo e fare una proposta super WOW per promuoversi meglio.

8 – Analisi dei dati: il cuore del marketing digitale

Il bello del marketing digitale è che tutti i dati sono misurabili: questo ci permette di investire denaro solo in attività remunerative, senza andare a tentativi.

Social turbo marketing

Impara le basi del marketing per promuovere la tua attività sui social
In questo corso capiremo come trasformare i social media da ambiente di svago in una vera risorsa di business.

corso-marketing-analisi-dati-roi_spora-veronica-benini_corsetty

Volete capire come analizzare i dati del marketing? In prevendita c’è questo Corsetty!

9 – Come creare un corso online: vendere competenze, invece di prodotti

E se il nostro lavoro non potesse essere venduto online, con un eCommerce di successo, oppure un profilo social che crea engagement?

Pensiamo ad esempio a un panificatore: di certo non può spedire il pane fresco di giornata in tutta Italia attraverso un eCommerce. ma potrebbe, ad esempio, creare un corso di panificazione, per insegnare alle persone a impastare un buon pane fatto in casa.
Quanto avrebbe funzionato, durante il lockdown per Coronavirus?

summer-compilation-10-consigli-di-marketing-digitale-per-potenziare-business-online_veronica-benini-corsetty_04

Per progettare un corso online, nella Summer Compilation trovate la spiegazione del METODO SPOSTIT, con cui potete creare su carta lo scheletro del vostro corso online, secondo una linea cronologica di apprendimento.

Ricordatevi che guadagnare online si può, in molti modi: a volte il prodotto siamo noi!

10 – GDPR e privacy: adempimenti legali per lavorare online e raccogliere dati

Chiunque realizzi un sito web, metta in produzione un eCommerce che genera guadagni online, o strutturi una newsletter che genera lead e clienti, deve sottostare alle Leggi su privacy e GDPR.

GDPR senza pensieri è il Corsetty di Cathy La Torre, in cui trovate le spiegazioni passo passo per essere a norma con la legislazione su privacy, cookies, gestione e trasparenza dei dati.

La privacy infatti è un diritto che garantisce a tutte le persone la tutela e la protezione dei propri dati personali. Ma è anche il diritto a conoscere come sono gestiti i nostri dati personali da parte di aziende, enti pubblici, liberi professionisti, ecc.

Salite a bordo: la Summer Compilation vi darà un assaggio di tutti questi temi, con testi, video e materiali da scaricare!

Condividi su facebook
Condividi su twitter